Colori d'autunno

Colori d'autunno
“ Storie che vanno via veloci disperdendosi al vento come fili di fumo. Il fumo è testimone di un fuoco. La legna finisce, il fuoco si spegne. Rimane l’odore del fumo, che è ricordo. Del fuoco resta la cenere, che è memoria. Rovistando tra la cenere si pensa al fuoco che fu. Ricordare fa bene, è un buon allenamento per resistere e tirare avanti.” (Mauro Corona)

sabato 21 aprile 2018

Il mio angolo di poesia: "ARIA D'APRILE" - Colli Euganei


Bianche nuvole sorvolano il Venda e il Vendevolo

Dopo giorni grigi e malinconici, è bastato riassaporare la stabilità di un tiepido sole "euganeo", perché l’umore tornasse propositivo e riapparisse la voglia di scrivere nuovi versi. Correvo il rischio, infatti, che l’apatico incedere di giorni spenti e pseudo – autunnali, mi assuefacesse a tal punto, da portarmi a una quasi totale indifferenza per la scrittura. Sapevo benissimo, però, che alla comparsa del primo raggio di sole, tutto questo avrebbe avuto un epilogo. 

Prati dorati
E così è stato. Stimolato dalla radiosa immagine di un limpido mattino di metà aprile e da un itinerario che srotolava in continuazione suggestive scenografie naturali, sentivo il cuore aprirsi alle folate primaverili di un’aria che m’infondeva nuove energie ispiratrici. Ne catturavo ogni singola goccia, depositandola 
in me, come preziosa stilla. Shakespeare una volta scrisse: “Anche in primavera fui da te lontano quando il leggiadro Aprile, tutto vestito a festa, suscitava in ogni cosa un tale brio di gioventù che rideva anche Saturno e con lui danzava.” E’una frase, questa, che calza a pennello con le sensazioni che provavo in quel momento; una sorta di sottile alchimia che racchiudeva gioia, amore, fantasia. Aprile: armonia di suggestioni, colori, profumi, suoni; mese incantato, in cui la natura annuncia il definitivo risveglio. Tutto si illumina, s’indora, diventa mito. Anche sui sentieri dei Colli Euganei; una magica atmosfera che assomiglia sempre più, al dolce sapore dell’estate. 



Declivi prativi accompagnano lo sguardo verso i sinuosi profili dei Colli 


ARIA D'APRILE                                  


Soleggiate campagne 
ebbre di calore,
riempiono l'aria intensa d'aprile
di vibranti profumi.

S'adagia il mio respiro
sulle ali tiepide del vento.
Vento di primavera
che cala improvviso
a scompigliar le verdi parrucche degli alberi
e i ridenti fiori nell'erba.

Un senso d'inevitabile abbandono         
mi invade l'animo,                       
liberando lo sguardo
verso palpitanti confini.                    
              
Pompose nuvole                                             attraversano con pigro incedere l'azzurro,
sciabordando l'intensa luce del mattino.

Sul monte solitario,
frammenti di preghiera
impregnano di silenzio
la sacra effigie di Beatrice.

Oh fragile fanciulla,
incarnata di beatitudine!
Pietra lucente 
d'invocato Amore,
sulle nobili ferite dell'amata terra!
                                                              
Dai vicini prati,                                                                       giunge allegro un vociar di bimbi,
piccole note che lambiscono il cielo,
posandosi liete,
sul dorato pentagramma dell'infinito.


M.Guercini






Splendidi Euganei


Prati ingemmati di fiori


Le sinuose sagome degli Euganei si stagliano nell'azzurro cielo d'aprile


Armonia di primavera




"È verde la pianura
al sole dell’aprile,
ha quella verde fiamma,
la vita che non pesa;
e l’anima pensa ad una farfalla
del mondo atlante e sogna."

(A.Machado)


Nessun commento:

Posta un commento